UNA FINESTRA SUL MONDO

La parola a Paolo Boldrini

Federica BRESSI

Professore Ordinario di Medicina fisica e riabilitativa (Fisiatra – Fondazione Policlinico Universitario Campus Bio-Medico)

Scarica in PDF

Prof. Paolo Boldrini, Member of the Executive Committee – ESPRM, come nasce e quali sono le finalità della ESPRM?

Le organizzazioni scientifiche europee dedicate alla Medicina Fisica e Riabilitativa si sono sviluppate dopo la nascita delle grandi organizzazioni politiche continentali che seguì al secondo conflitto mondiale, come il Consiglio d’Europa (1949) e la Comunità Europea (1957). In quegli anni, specialisti di diversi paesi europei hanno potuto conoscersi via via sempre meglio e condividere uno spirito ed una visione comune, che hanno portato allo sviluppo della Medicina Fisica e Riabilitativa come specialità autonoma.

Sono nate tre organizzazioni europee dedicate a questa “nuova” disciplina: nel 1963 la European Federation of Physical Medicine and Rehabilitation (EFPMR), NEL 1969 la “Académie Médicale Européenne de Médecine de Réadaptation (AERM) e nel 1971 la Sezione di Medicina Fisica e Riabilitativa dell’Unione Europea dei Medici Specialisti (UEMS-PRM).

Nel 2003 a seguito dello scioglimento dell’European Federation, è stata fondata l’European Society of Physical and Rehabilitation Medicine (ESPRM), che comprende sia Società Scientifiche nazionali di Medicina Fisica e Riabilitativa, sia soci individuali (Individual members).

Attualmente, 40 Società Scientifiche Nazionali sono membri della ESPRM; la Società conta inoltre 25 “Special Interest Scientific Committees” (SISC), ognuno dedicato a specifici temi di interesse professionale.

Ogni Società Scientifica nazionale di Medicina Fisica e Riabilitativa nomina due Delegati (Ambassadors), che hanno il compito di favorire e mantenere i contatti fra l’ESPRM e le rispettive società nazionali, e di partecipare attivamente alle iniziative societarie come membri dell’Assemblea Generale (Board of Ambassadors). Quest’ultima elegge il Comitato Esecutivo, organo direttivo della Società, con compiti di direzione in conformità alle decisioni dell’Assemblea.

I Delegati nazionali designati dalla SIMFER sono attualmente Giovanni Iolascon e Paolo Boldrini, quest’ultimo è stato anche eletto dall’Assemblea ESPRM come membro del Comitato Esecutivo.

L’Assemblea Generale si riunisce di norma due volte l’anno, in primavera ed in autunno, ospitata ogni volta da una delle Società Nazionali. L’ultimo incontro si è svolto a Zagabria (Croazia) e il prossimo sarà a Riga (Lettonia) il 14 settembre.

Gli incontri dell’ESPRM precedono di norma quelli dell’UEMS-PRM che si svolgono nei giorni successivi nelle stesse località.

In cosa consiste il suo compito e quali sono gli obiettivi strategici per i prossimi anni?

Le finalità della Società sono eminentemente scientifiche: facilitare gli scambi internazionali sui diversi aspetti della ricerca nel campo della Medicina Fisica e Riabilitativa, inclusi la diffusione di informazioni su finanziamenti per la riabilitazione, trials multicentrici, progetti nazionali ed europei, meetings e conferenze, nonché intraprendere tutte le attività che sono direttamente o indirettamente correlate o che possono essere favorevoli a tali obiettivi.

La Società:

  • facilita le attività di ricerca e di comunicazione su tali attività a livello europeo;
  • organizza un Congresso Europeo ogni due anni in uno dei Paesi membri;
  • si attiva nei confronti delle Autorità nazionali ed europee al fine di sostenere iniziative e collaborazioni nel campo della ricerca scientifica in Medicina Fisica e Riabilitativa;
  • collabora con le altre organizzazioni europee del settore;
  • fornisce informazioni ad autorità locali, nazionali ed europee sull’efficacia degli interventi di Medicina Fisica e Riabilitativa.

Si è recentemente insediato il nuovo Comitato Esecutivo che resterà in carica fino al 2027, con la presidenza di Klemen Grabljevec (Slovenia), subentrato a Nicolas Christodoulou (Cipro).

Fra i programmi del nuovo esecutivo si segnalano:

  • la volontà di incrementare il numero dei membri, sia con l’entrata di nuove Società Nazionali che con l’aumento dei soci individuali;
  • l’organizzazione di eventi scientifici di alto livello, in collaborazione con le Società Nazionali, in occasione delle riunioni dell’Assemblea. Gli eventi prevedono di invitare come relatori esperti di fama internazionale su argomenti di interesse, cui potranno partecipare gratuitamente i soci della Società Nazionale ospitante. I costi saranno a carico di ESPRM;
  • promuovere ulteriormente la ricerca nel campo della Medicina Fisica e Riabilitativa, anche con la possibilità di erogare finanziamenti di entità variabile per progetti presentati da singoli soci o dai SISCs;
  • Continuare a sostenere le iniziative di formazione in MFR a livello europeo, come ad esempio -nel nostro paese – la Euromediterranean Rehabilitation Summer School “Haim Ring” di Siracusa, che quest’anno giunge alla 18° edizione, la European Robotic School, e la recentissima ESPRM UEMS-PRM SCHOOL on Rehabilitation of pain and pain-related disability;
  • Continuare a sostenere il lavoro di ricerca dei giovani fisiatri, ad esempio attraverso riconoscimenti a recenti pubblicazioni di particolare interesse, come in occasione del Trans European Scientific Contest (TESC) che si svolge ad ogni Congresso Europeo;
  • Favorire ulteriormente la partecipazione dei fisiatri ad eventi scientifici con tariffe agevolate;
  • Migliorare la presenza della Società sui media, per favorire una più intensa ed efficace attività di comunicazione con tutti i fisiatri europei e con gli altri interlocutori.

Come spronare i giovani fisiatri ad una maggiore sensibilità per l’internazionalizzazione?

Questo è un compito cui debbono contribuire l’ESPRM e le società nazionali in modo congiunto; è necessario far comprendere che una forte comunità professionale sovranazionale aumenta la visibilità e l’autorevolezza della disciplina e, in tal modo, di tutti i fisiatri.

Inoltre, lo scambio fra colleghi di diverse nazioni è un fattore importante di crescita professionale, offrendo l’opportunità di diffondere led buone pratiche cliniche ed organizzative, ed accrescere la credibilità nei confronti degli interlocutori locali.

L’ulteriore sviluppo dei sistemi di comunicazione societari sarà un importante strumento per un sempre maggiore coinvolgimento dei colleghi di ogni parte d’Europa.

Ricordiamo in conclusione che il prossimo Congresso Europeo dell’ESPRM si terrà a Lubiana (Slovenia) dal 23 al 27 aprile 2024. Sarebbe auspicabile la presenza di tanti fisiatri per una migliore e proficua collaborazione internazionale.

image001
Si precisa che gli articoli non sono riproducibili senza l’approvazione dell’editore: per qualsiasi riutilizzo con scopi commerciali o promozionali, è necessario richiedere opportuna quotazione scrivendo a shcmilan@springer.com Gli articoli pubblicati sul sito sono fruibili in base all’attribuzione CCBY NC ND. Visualizza il testo completo della licenza

© 2024 Springer Healthcare Italia s.r.l.