Terapia Evidence Based

At a glance

Geni associati alla malattia critica da Covid-19

Uno studio genetico condotto da ricercatori del consorzio GenOMICC e pubblicato sulla rivista Nature ha portato all’identificazione di nuove e significative associazioni tra alcune varianti genetiche e la malattia critica da Covid-19.

Con l’intento di studiare i meccanismi molecolari della malattia, gli studiosi dell’Università di Edimburgo hanno confrontato le informazioni genetiche di 2244 pazienti con malattia critica da Covid-19 ricoverati in 208 Unità di Terapia Intensiva in Gran Bretagna con quelle di volontari sani arruolati in altri studi genetici.

Il confronto ha permesso di identificare differenze significative tra pazienti e controlli nell’espressione di 5 geni: IFNAR2, OAS1, TYK2, DPP9 e CCR2. Due di questi geni (IFNAR2 e OAS) sono coinvolti nell’immunità antivirale innata, importante nella fase iniziale di malattia e gli altri 3 sono implicati nei meccanismi dell’infiammazione polmonare tardiva (TYK2, DPP9 e CCR2).

L’identificazione di alcune di queste associazioni genetiche potrebbe portare a nuovi approcci terapeutici per la malattia critica da Covid-19, tramite lo sviluppo di farmaci innovativi o la riproposizione di farmaci già utilizzati in altre patologie.

Potenziali approcci terapeutici comprendono l’attivazione delle vie di segnale dell’interferon, l’antagonismo dell’attivazione dei monociti, l’inibizione dell’infiltrazione polmonare e infine interventi specifici contro le vie dell’infiammazione, quale per esempio l’inibizione, tramite i farmaci JAK-inibitori, del recettore JAK della tirosina chinasi 2 (TYK2), associata alla risposta infiammatoria che causa la tempesta citochinica.

Bibliografia

Pairo-Castineira E, Clohisey S, Klaric L, et al. Genetic mechanisms of critical illness in Covid-19. Nature. 2020 Dec 11. doi: 10.1038/s41586-020-03065-y. Epub ahead of print. PMID: 33307546.

Leggi tutto
No items found

Entra con le tue credenziali

Ha dimenticato i dettagli?